Jan
5
2007

Azzeramento dei campi identity seed in SQL Server

Questa procedura permette di azzerare i campi identity nelle tabelle sql; è una operazione utile quando ad esempio si fanno delle prove sul database e poi si vuole avere la tabella "pulita", senza cioè avere "buchi" nella numerazione delle colonne che normalmente sono gli ID.
Si utilizza la funzione:
TRUNCATE nome_tabella

Se però esistono vincoli esterni di relazione con altre tabelle non è possibile utilizzare la procedura segnalata; bisogna invece utilizzare la seguente:
DBCC CHECKIDENT ('nome_tabella', RESEED, 1)
Nel caso in cui si voglia riportare l'identity a 1.

DBCC CHECKIDENT ('nome_tabella', RESEED)
In questo caso invece l'identity viene riportata al valore più alto presente nella tabella.

Dec
29
2006

Disabilitare Windows Firewall su XP via GPO

Un cliente vuole che i client (XP sp2) abbiano di default windows firewall disabilitato sulla rete locale (che è protetta da un fw hardware) se sono connessi nel dominio; viceversa deve essere attivo se questi lanciano il computer "standalone" (ad esempio chi esce con il portatile). Ho creato una OU laptop nella quale ho messo tutti i portatili. Ho creato una GPO ad hoc; nell'editor ho aperto "configurazione computer/Modelli amministrativi/Rete/Connessioni di rete/Windows Firewall/profilo di dominio" e la prima voce "Windows Firewall: proteggi tutte le connessioni di rete" l'ho settata su Disabilitato; nel "profilo standard", invece, la stessa voce è stata settata su Abilitato. Alla fine ho linkato la GPO alla OU, gpupdate /force su un client di prova, gpresult (eventualmente /v) per verificare che le policy siano applicate in modo corretto e via.

Giusto per ricordarmelo visto che ho avuto 3 minuti di panico da interrogazione del lunedì mattina: se applichi una GPO ad una OU che contiene solo utenti la configurazione computer non si applica! (donkey!)

Dec
29
2006

c1030af1 su SBS 2003

In un intervento effettuato su un server sbs 2003 il problema era che dal gestore di sistema di exchange non era più possibile visualizzare/modificare le cartelle pubbliche. L'errore generato aveva codice c1030af1. Il problema era dato dal fatto che al server, nato per lavorare su ip 192.168.1.2, era stato cambiato indirizzo. Giustamente erano state modificate le impostazioni di DHCP e DNS. Il problema nasceva dal fatto che le impostazioni di accesso del server IIS erano di bloccare tutti gli ip tranne quello locale del server (che era appunto 192.168.1.2 o 127.0.0.1). Sitemata questa impostazione in "sito web predefinito/protezione directory/limitazioni sugli indirizzi IP/modifica" e configurato l'IP corretto tutto si è messo a funzionare correttamente.

Recent Tweets

Note: For Customization and Configuration, CheckOut Recent Tweets Documentation