gen
5
2007

Progettare le Group Policy con la testa

Sono due i consigli fondamentali che Microsoft elargisce riguardo la progettazione delle Group Policy: il primo è quello di utilizzarne il minor numero possibile, questo perchè tante GP non solo rallentano enormemente la fase di applicazione delle policies (logon e logoff dell'utente ad esempio), ma rendono particolarmente difficoltosa la gestione e la valutazione del funzionamento complessivo del sistema. Il secondo consiglio è di suddividerle tra quelle che hanno impostazioni che si applicano ai computer e quelle con impostazioni che si applicano agli utenti, avendo cura di disabilitare i computer configuration settings o gli user configuration settings di conseguenza, questo perchè il motore di applicazione delle policy legge TUTTI i file relativi alle configurazioni, anche se una delle due sezioni non è compilata (per impedirne la lettura è necessaria appunto la disabilitazione).
Il risultato è una intoccata flessibilità e una diminuzione dei tempi di applicazione oltre ad una maggiore semplicità di progettazione e gestione.

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading

Recent Tweets

Note: For Customization and Configuration, CheckOut Recent Tweets Documentation